USCITA DI GIOVEDI 1 MAGGIO 2014
Sotto l’impeccabile regia e guida di Giuseppe Superchi siamo stati in 28 ad aggirarci sulle prime propaggini della Valle Stura.                                                                                                                                                                              Lasciate le auto a Castelletto si è raggiunta Gaiola per inoltrarci nei boschi e su carrarecce sino alla borgata Vaita ed alla croce che la sovrasta.                                                                                                                                        Dopo una breve preghiera siamo scesi alla croce più bassa e lì in un ambiente arcadico ( casa ristrutturata, prato pieno di fiori, fontana ) abbiamo consumato il nostro spuntino.
Ritorno nel primo pomeriggio a Gaiola e Castelletto con breve sosta all’antica Cappella dedicata a San Bernardo.                                                                                                                                                                                                     Una passeggiata  piacevole e non stancante, di preparazione a più impegnativi passi, quando la primavera vorrà finalmente comparire senza esitazioni e piovaschi. Una diecina i Km. percorsi  ed un dislivello non eccessivo di 300 metri, accessibile a tutti.                                                                                                                                Grazie a Giuseppe per l’accurata preparazione del percorso, verificato di persona più volte nell’ottica della sicurezza totale per tutti.                                                                                                                                                    Riporto, per chi non c’era, le belle parole di San Bernardo, citate su  un cartello a fianco della omonima Cappella:
“Ciò che io so della scienza divina e delle sacre scritture l’ho imparato nei boschi e nei campi.                                            I miei maestri sono stati i faggi e le querce, non ne ho avuti altri.                                                                                         Tu imparerai più nei boschi che nei libri. Alberi e pietre ti insegneranno più di quanto tu possa acquisire dalla bocca di un maestro”.