Il pellegrino domani entrerà a Santiago di Compostela, dove, oltre a visitare in primo luogo il sepolcro dell'Apostolo Martire, lo attendono molte altre meraviglie. La prossima tappa oltre ad emozionante, per tutta la carica spirituale e sentimentale che ha, è anche spossante. Perciò, il percorso di oggi è breve e tranquillo, si devono riservare le forze.

Inizia il cammino attraverso Las Barrosas, dove si trova l'eremita di San Lazzaro ed il Mulino dei Francesi. Attraversa poi Calzada, Calle e Salceda, dove il pellegrino può fermarsi un momento per omaggiare il pellegrino belga morto qui in modo improvviso il 23 agosto 1989, in suo onore è stato costruito un piccolo monumento. Poi il tragitto entra in Brea e poi Santa Irene, per concludere il suo percorso a Rúa.

Il cammino è giunto al termine della tappa di oggi, il pellegrino prima di andare a riposare può passeggiare tranquillamente per questo piccolo paesino.

L'emozione si riflette sul viso di tutti, la stanchezza accumulata durante questi 30 giorni di pellegrinaggio non si nota. Nella mente, il conteggio di tutte le cose che si devono vedere a Santiago dopo la visita all'Apostolo e raccogliere il diploma che certifica la realizzazione del Cammino di Santiago. In Compostela l’attende la Cattedrale, la Plaza del Obradoiro, l'Antico Albergo Reale dei Re Cattolici, la Rúa di San Pedro... Avrà anche tempo di degustare la deliziosa cucina galiziana.